Il basso SAMUEL RAMEY canta “ATTILA” di Giuseppe Verdi (“Mentre gonfiarsi l’anima”)

 

Giuseppe Verdi – ATTILA “Mentre gonfiarsi l’anima…Oltre quel limite” aria e cabaletta (con bis…
YOUTUBE.COM

<script type=”text/javascript”>
/* <![CDATA[ */
document.write(‘<s’+’cript type=”text/javascript” src=”http://ad.altervista.org/js.ad/size=300X250/?ref=’+encodeURIComponent(location.hostname+location.pathname)+’&r=’+new Date().getTime()+'”></s’+’cript>’);
/* ]]> */
</script>

Da “SHOW BOAT” di Jerome Kern, il basso statunitense canta “OLD MAN RIVER”

Il basso SAMUEL RAMEY interpreta il canto di un negro che rappresentava i Negri dell’America di molti anni fa, Negri che – come gli Indiani/Nativi Americani – sono stati privati della loro libertà e della loro dignità: tale canto è stato immortalato da JEROME KERN nel suo “SHOWBOAT”. https://youtu.be/-m82TO9chA0

Samuel Ramey-Old Man River from Showboat.mpg

<script type=”text/javascript”>
/* <![CDATA[ */
document.write(‘<s’+’cript type=”text/javascript” src=”http://ad.altervista.org/js.ad/size=300X250/?ref=’+encodeURIComponent(location.hostname+location.pathname)+’&r=’+new Date().getTime()+'”></s’+’cript>’);
/* ]]> */
</script>

UN OMAGGIO a MAURIZIO SALTARIN, grande tenore.

 

GIACOMO PUCCINI, TURANDOT: “NESSUN DORMA” (canta il tenore MAURIZIO SALTARIN/Principe Calaf)
(Voce italiana, vanta successi internazionali da oltre vent’anni: GRANDE MAURIZIO!).

 <script type=”text/javascript”>
/* <![CDATA[ */
document.write(‘<s’+’cript type=”text/javascript” src=”http://ad.altervista.org/js.ad/size=300X250/?ref=’+encodeURIComponent(location.hostname+location.pathname)+’&r=’+new Date().getTime()+'”></s’+’cript>’);
/* ]]> */
</script>

TRISTANO E ISOTTA di Richard Wagner

Tristano conduce Isotta alla volta della Cornovaglia, recandola in sposa a RE MARKE, dimenticando che Isotta, un giorno, gli ha salvato la vita.

ISOTTA ordina alla sua ancella BRANGANIA di preparare un veleno per se e per TRISTANO:
L’ancella lo sostituisce con un filtro d’amore: quando essi bevono insieme il filtro, una passione li attrae l’un l’altro.

MA è risaputo che TRISTANO e ISOTTA SI AMAVANO GIA’ DA PRIMA perché avevano letto AMORE nei loro SGUARDI: infatti, quest’opera è definita anche “L’OPERA DEGLI SGUARDI”.

 

Il 10 giugno 1865, al Teatro “KÖNIGLICHES HOF-UNS NATIONALTHEATER di Monaco di Baviera, veniva rappresentata per la PRIMA volta l’opera “TRISTANO E ISOTTA” di RICHARD WAGNER, diretta da HANS VON BÜLOW.

E’ definita l’opera più bella di Wagner.

Lauretta 

.

Un grande che ha diretto Tristano e Isotta è stato HERBERT VON KARAJAN:

 

 

 

<script type=”text/javascript”>
/* <![CDATA[ */
document.write(‘<s’+’cript type=”text/javascript” src=”http://ad.altervista.org/js.ad/size=300X250/?ref=’+encodeURIComponent(location.hostname+location.pathname)+’&r=’+new Date().getTime()+'”></s’+’cript>’);
/* ]]> */
</script>

 

MARIO DEL MONACO: “IL DIO” – La sua pagina su FaceBook: Mario Del Monaco. “Se tu non m’ami”

Auguriamo a tutti gli amici e ai frequentatori di questa pagina, dedicata alla Memoria di Mario Del Monaco, una lieta e serena Pasqua con questa immagine del grande tenore, che si adatta perfettamente alle parole pronunciate dal regista teatrale Sandro Bolchi: “Mario aveva una stupenda testa da antico romano che conquistava il pubblico. Nella maturità, ancora di più”. – nella foto, Mario Del Monaco ne “I Troiani” di Hector Berlioz, a Stoccarda nel marzo del 1967. In precedenza, con la stessa Opera andata in scena al Teatro alla Scala nel maggio 1960, Del Monaco ottenne un successo enorme in quanto, secondo la Critica del tempo, …”con voce squillante e sonora, trascinante nell’accento epico, Mario Del Monaco ha ricreato nello spirito virgiliano l’eroica figura di Enea.”-https://youtu.be/0q_CMR0963Q

L'immagine può contenere: una o più persone e primo piano

<script type=”text/javascript”>
/* <![CDATA[ */
document.write(‘<s’+’cript type=”text/javascript” src=”http://ad.altervista.org/js.ad/size=300X250/?ref=’+encodeURIComponent(location.hostname+location.pathname)+’&r=’+new Date().getTime()+'”></s’+’cript>’);
/* ]]> */
</script>